12 Novembre 2011

I tesori delle Tegn¨e nel fascino del 3D per diletto e scuola

 

CHIOGGIA Un volo virtuale nelle Tegn¨e, una scansione tridimensionale dei fondali e nuovi punti di immersione. Queste alcune delle novitÓ che propone la Zona a tutela biologica al largo di Chioggia. Con la ripresa dei rapporti tra l’associazione Tegn¨e onlus e l’amministrazione, Ŕ stato ripreso in mano anche l’ambizioso progetto di sviluppo e divulgazione che aveva ottenuto finanziamenti regionali. źSi Ŕ completata la scansione tridimensionale dell’area maggiore – spiega il presidente dell’associazione, Piero Mascalchin – con la quale potremo realizzare mappe 3D delle Tegn¨e e filmati di un “volo” virtuale sugli affioramenti, con grande impatto dal punto di vista divulgativo. La restituzione grafica del fondo darÓ la possibilitÓ di una ispezione sistematica di tutta la zona con mezzi meccanici prima che riportino in superficie le immagini del fondale e immersioni mirate poi. Si potranno segnalare nuovi punti di immersione, scoprire eventuali reperti archeologici e nuove specie di fauna bentonica. La restituzione tridimensionale del fondo (a volo di uccello) sarÓ anche utilizzata per un video scientifico e la preparazione di mappe dettagliate dei percorsi subacquei╗. Per un costante dialogo dalla superficie con il sub e tra sub sono stati previsti comunicatori parla/ascolta, attrezzatura utile anche per immersioni didattiche nelle quali il biologo pu˛ interloquire con gli studenti. Altra novitÓ il varo dell’imbarcazione “Tegn¨e I” che sarÓ utilizzata per la ricerca scientifica, per la manutenzione ordinaria delle boe di ormeggio e delle mede di delimitazione della zona biologica, per operazioni di bonifica e di ricerca. Elisabetta Boscolo Anzoletti ęRIPRODUZIONE RISERVATA

ritorna